Nagasaki, sfiga e coincidenze

Quanto pare le coincidenze non finiscono mai.

Ieri sono arrivato a Nagasaki, e su suggerimento di J mi sono sistemato all’ostello Casa Noda. Poi ho speso un paio di ore a programmare i giorni successivi, e ho deciso di andare a Beppu il giorno dopo, cosi ho prenotato un letto nell’ostello KHAOSAN BEPPU.

Finiti i preparativi sono andato sul Monte Inasa per vedere il tramonto su Nagasaki dall’alto e per prendere qualche foto in notturna. La sfiga pero’ ha voluto che a ovest ci fosse nuvolo, cosi 10 minuti prima del tramonto il sole e’ semplicemente scomparso dietro le nuvole, senza quindi proiettare nessuno dei colori tipici di quando il sole tramonta. Niente foto del tramonto quindi. E in mancanza del cavalletto anche le foto in notturna non e’ che siano il massimo. Vabbe.

Mi incammino verso casa, e mentre sono sulla funivia attacco bottone con una ragazza olandese, chiedendogli riguardo una domanda che aveva appena fatto ad un operatore della funivia (gli aveva chiesto l’eta’, perche’ sembrava un 14enne e invece ne aveva 19! Ma come fanno a sembrare cosi giovani i giapponesi??).

Scesi dalla funivia ci incamminiamo e facciamo due chiacchiere:

  • Lei: in che direzione vai?
  • Io: verso la stazione. Tu dove alloggi?
  • Lei: Casa Noda
  • Io: anche io…

Seguono vari argomenti, poi:

  • Lei: domani dove vai?
  • Io: A Beppu
  • Lei: ma dai, anche io!
  • Io: ma mi stai pedinando?
  • Lei: seee. Ma in che ostello stai?
  • Io: KHAOSAN BEPPU, te?

C’e’ bisogno che vi dica la risposta?

p.s. a parte domani sera, saremo nelle stesse citta’ allo stesso momento per i prossimi 6-7 giorni.